banner_ISMD
Note tecniche

GEOLOGIA
Per ogni stazione accelerometrica è disponibile la mappa geologica alla scala 1:100.000 (Mappe Geologiche d'Italia) realizzata utilizzando la base topografica IGM alla scala 1:25.000.
Per i siti in cui è disponibile sono inoltre fornite le mappe geologiche di dettaglio, alla scala 1:50.000 (progetto CARG) e/o 1:10.000.

In base alla geologia le stazioni sono state raggruppate in classi di apparteneza, come riportato nell'esempio.

MORFOLOGIA
Per ogni sito di registrazione è disponibile:
- un modello digitale (DEM);
- uno screenshot 3D da Google Earth, con l'elevazione incrementata di un fattore 3 in modo da enfatizzare l'assetto morfologico;
- una mappa delle pendenze con le linee di cresta. Le classi di pendenza sono calcolate considerando la classificazione topografica riportata nella vigente normativa antisismica europea (Eurocodice8, CEN, 2003) e italiana (Norme Tecniche per le Costruzioni, NTC-2008; 2018);

I DEM usati per le analisi (ASTER GDEM, V2) sono scaricabili dal sito http://gdex.cr.usgs.gov/gdex/.

In base alla topografia le stazioni sono state raggruppate in classi di apparteneza, come riportato nell'esempio.

INDAGINI GEOFISICHE
Le analisi sono state effettuate considerando:
- sensori velocimetrici a banda allargata (Lennartz 5s) o broad band (Trillium 40s) . In caso siano disponibili solo dati di microtremore registrati da sensori accelerometrici i risultati non sono pubblicati perche ritenuti non affidabili. Gli stessi saranno pubblicati a seguito di analisi effettuate su dati velocimetrici nel momento in cui le misure saranno disponibili;
- durata della misura variabile da 2 ore (minimo 120 finestre della durata di 60 sec) a 24 ore;
- lunghezza delle finestre analizzate pari a 60 secondi, eccetto in caso di picchi di amplificazione a frequenze molto basse (<0.4 Hz);
- tapering 5%;
- smoothing Konno & Omachi (1998), b=20.

Per ogni sito di registrazione sono disponibili:
- spettri di Fourier del rumore ambientale non filtrati. I colori rosso (verticale), blu (NS) e verde (EW) indicano gli spettri medi di Fourier calcolati utilizzando tutte le finestre di segnale disponibili;
- HVSR (rapporto spettrale tra componenti le componenti orizzonatali e la verticale), calcolati considerando la media quadratrica delle due componenti orizzontali;
- HVSR direzionali;
- la frequenza fondamentale (f0) preliminare del sito di registrazione.
Il valore di f0 è fornito considerando i risultati HVSR, valutando inoltre l'assetto geologico e geomorfologico del sito. Di solito il valore di f0 corrisponde al picco HVSR in ampiezza (A) ≥2 con la frequenza minore compresa tra 0.1 e 15 Hz (A)≥2. In presenza di situazioni incerte (presenza di piu' picchi o di un unico picco con un ampio range di frequenze amplificate), il valore di f0 e' selezionato sulla base di un giudizio esperto.
f0 'none' indica che tutte le frequenze indagate presentano ampiezze (A) ≤2 nell'intervallo 0.1-10 Hz.

Se dispnibili, è inoltre fornita sia la curve di dispersione calcolata al sito che il relativo profilo di velocità (Vs), oltre che il valore di Vs30 (NTC-2008) o di Vs,eq (NTC-2018).

NORMATIVA
Per ogni sito di registrazione sono fornite le categorie topografiche e di suolo, come ad oggi indicate nell'Eurocodice8 (CEN, 2003) e nelle Norme Tecniche per le Costruzioni 2008 (NTC-2008), se possibile aggiornate alla versione 2018 (NTC-2018).

- Classe di suolo: il simbolo * indica che la classificazione di sito è stata effettuata esclusivamente sulla base di informazioni geologiche. Le modifiche rispetto alla classificazione di riferimento (Di Capua et al., 2011) sono indicate con il simbolo **.

- Classe topografica: in una prima fase è stato utilizzato il metodo semi-automatico proposto da Pessina & Fiorini (2014), con buffer di raggio 100 m. In una seconda fase è stato eseguito un controllo, misurando la pendenza media su Google Earth. I siti non classificabili con il metodo semi-automatico (NC output) vengono indicati con il simbolo *, mentre le classi modificate dopo il controllo vengono indicate con il simbolo **.

Per informazioni relative ai data provider visualizzare Reti Sismiche (FDSN).

Per ulteriori informazioni reative alla caratterizzazione di sito riferirsi al lavoro Mascandola et al. (2018).

Per ulteriori informazioni scrivere una mail a [javascript protected email address]

Indietro
© 2021 Portale Web ISMD: INGV Strong Motion Data | Licenza Creative Commons
CITAZIONE | COOKIE & PRIVACY | LIMITAZIONI DI RESPONSABILITÀ | CREDITI | CONTATTI